Gli operatori su Paxful vendono 16,2 milioni di dollari di Bitcoin per carte regalo scontate ogni settimana

Un nuovo rapporto ha rilevato che quasi la metà di tutti i Bitcoin scambiati sulla borsa P2P Paxful viene scambiata con carte regalo.

Un rapporto pubblicato da Arcane Research ha rivelato che quasi la metà del volume di scambi di Paxful proviene dal commercio tra Bitcoin (BTC) e carte regalo.

Il rapporto ha rilevato che „l’acquisto di Bitcoin con le gift card è stata la soluzione preferita da Paxful ogni mese durante i cinque anni analizzati“ e a giugno rappresentava il 48% del volume di Paxful.

Paxful elabora quasi 40 milioni di dollari di scambi settimanali, il che significa che ogni settimana vengono scambiati fino a 20 milioni di dollari di BTC con carte regalo. Arcane ha evidenziato l’ultima settimana di giugno di quest’anno nel rapporto, in cui sono stati venduti 16,2 milioni di dollari di BTC in cambio di carte regalo.

Arcane attribuisce la maggior parte del volume di Paxful alla richiesta di rimesse da parte di giurisdizioni con servizi finanziari poco sviluppati. Con oltre la metà degli scambi commerciali di Paxful per valore che si svolgono negli Stati Uniti, i rapporti suggeriscono che gran parte del volume della piattaforma nordamericana rappresenta i lavoratori migranti che inviano fondi alle loro famiglie.

„La soluzione di pagamento con carta regalo è flessibile. Consente agli acquirenti di acquistare indirettamente BTC con denaro contante attraverso l’acquisto di popolari gift card presso le stazioni di servizio, per poi rivendere le gift card su Paxful per BTC“.

Arcane osserva che molte di queste transazioni sono regolate con un ampio sconto rispetto al valore di mercato, suggerendo che alcune di queste transazioni possono essere legate ad attività illegali:

„[Il commercio di carte regalo] è spesso effettuato con uno sconto significativo, fino a 60 centesimi sul dollaro. Una domanda naturale da porsi è quindi, chi è disposto a prendere un colpo del 40% per acquistare Bitcoin in questo modo?“.

Paxful è emerso come il principale mercato di Bitcoin peer-to-peer (P2P) dopo che Localbitcoins ha introdotto i requisiti KYC un anno fa per gli utenti con più di 1.000 dollari in volume di scambi annuali.

Mentre il trading occidentale si è allontanato dai mercati P2P a favore degli scambi centralizzati dal 2016, Arcane nota che il volume delle economie emergenti „di frontiera“ è costantemente aumentato negli ultimi anni.

Dominio regionale sul volume del P2P Bitcoin: Ricerca Arcane

La quota dell’Europa occidentale nel volume mondiale del P2P è scesa dal 20% al picco dell’encierro del 2017 al 10% di oggi, mentre il commercio nordamericano è sceso dal 53% del globo nel 2016 al 35% di oggi.

Dall’inizio del 2016, il volume del P2P dell’Africa subsahariana e dell’America Latina è cresciuto dal 4% e dall’1% al 19% e al 13% rispettivamente.