Il giudice ordina un processo in Francia per il presunto riciclatore di BTC Alexander Vinnik

Alexander Vinnik, il cittadino russo accusato di aver riciclato 300K Bitcoin attraverso lo scambio criptato BTC-e, potrebbe ora essere processato in Francia.

Sempre in attesa di essere accusato negli Stati Uniti e in Russia

Sempre in attesa di essere accusato negli Stati Uniti e in Russia, il sospetto riciclatore di denaro Bitcoin Era Alexander Vinnik potrebbe essere sottoposto a un processo in Francia.

Secondo l’agenzia di stampa Agence France-Presse (AFP), un giudice di Parigi ha ordinato al cittadino russo di essere processato per estorsione, riciclaggio di denaro sporco, associazione criminale e accesso fraudolento e modifica dei dati nei sistemi di elaborazione dati.

L’AFP ha dichiarato che le autorità francesi hanno accusato Vinnik di aver frodato più di 100 persone su 160 milioni di dollari tra il 2016 e il 2018.

Vinnik, noto anche come „Mr. Bitcoin“, è accusato di aver riciclato 300.000 Bitcoin (BTC) – circa 3,4 miliardi di dollari al momento della stampa – nel corso di sei anni attraverso lo scambio criptato BTC-e. È stato arrestato durante una vacanza in Grecia nel 2017 per un’accusa proveniente dagli Stati Uniti e successivamente estradato in Francia a gennaio.

Tiro alla fune a tre

Un cittadino russo, Vinnik, aveva precedentemente chiesto di essere estradato nel suo paese d’origine, dove avrebbe dovuto affrontare minori accuse di frode sulle vittime per un importo di 11.000 dollari.

Dopo la conclusione del suo processo in Francia, Vinnik potrebbe essere riportato in Grecia per affrontare l’estradizione negli Stati Uniti, dove le autorità vorrebbero interrogarlo sul suo legame con il famigerato hacker del monte Gox. Alcuni dei Bitcoin di BTC-e potrebbero provenire dall’ormai defunto scambio di crittografia giapponese.